• Maurizio Landini è il nuovo segretario generale della Cgil
  • Campagna Tesseramento 2018
  • Conferenza di Programma “Buon Lavoro. Governare l’innovazione, contrattare la digitalizzazione”
  • Notizie Area Politiche internazionali

MANIFESTAZIONE NAZIONALE UNITARIA CGIL CISL UIL #FUTUROALLAVORO ROMA, 9 FEBBRAIO 2019

Care amiche e cari amici, care compagne e cari compagni,
vi informiamo che, in relazione all’irrigidimento dell’applicazione delle nuove norme di sicurezza siamo costretti a non poter utilizzare piazza del Popolo e a spostarci a Piazza San Giovanni.

Lo spostamento a piazza San Giovanni se da una parte è motivo di orgoglio per la grande adesione è soprattutto motivo di ulteriore impegno per aumentare ancora di più gli sforzi di partecipazione essendo questa piazza più capiente.

Abbiamo l’ambizione di riempire la piazza per una grande manifestazione sindacale che ribadisca con forza il protagonismo politico sociale delle nostre Organizzazioni Sindacali in questo Paese.

Siamo altresì a confermarvi il concentramento dei manifestanti in piazza della Repubblica alle ore 9.00 ed il successivo corteo che raggiungerà piazza San Giovanni per il comizio conclusivo dei Segretari Generali Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo.

Appena completata l’istruttoria con il Gabinetto del Sindaco di Roma Capitale sarà nostra cura trasmettervi ulteriori indicazioni logistiche per la sosta dei pullman. Vi confermiamo comunque l’area parcheggio di Anagnina.

Cordiali saluti.

Le Segreterie Confederali

CGIL Nino Baseotto - CISL Giorgio Graziani - UIL Pierpaolo Bombardieri

GUARDA IL VIDEO DELLA CAMERA DEL LAVORO DI FROSINONE LATINA



9 FEBBRAIO MANIFESTARE PERCHÉ

MAURIZIO LANDINI ELETTO SEGRETARIO GENERALE DELLA CGIL

Maurizio Landini è stato eletto segretario generale della CGIL. L'assemblea del maggiore sindacato italiano - che si è riunita al termine dei lavori del XVIII congresso nazionale - si è espressa con 267 voti a favore, pari al 92,7% dei votanti. I no sono stati 18, 4 gli astenuti e una scheda bianca.

L'ex leader della FIOM ha poi proposto di andare subito all'elezione della segreteria confederale. Perché “abbiamo bisogno di affermare non solo l’unità, ma anche la collegialità e l'autorevolezza dell’intera Cgil”. “Non abbiamo tempo da perdere”, ha detto, perché “da domani le nostre energie vanno dirette nel rapporto con i lavoratori, con i giovani, con i pensionati. Per realizzare i nostri obiettivi di libertà e dignità del lavoro, di tutela dei diritti fondamentali oggi messi in discussione” (Fonte Rassegna.it).

La proposta del nuovo segretario generale Maurizio Landini  porta la novità della figura di due vicesegretari: Vincenzo Colla e Gianna Fracassi. Poi due nomi nuovi che sono quelli di Emilio Miceli (segretario generale della Filctem) e Ivana Galli (segretaria generale della Flai). A completare la segreteria Nino Baseotto, Rossana Dettori, Roberto Ghiselli, Giuseppe Massafra e Tania Scacchetti. 
La proposta viene approvata dall'assemblea generale con il 94%.

Escono dall'organismo per fine mandato Susanna Camusso e Franco Martini.

Nella conferenza stampa successiva al voto, Maurizio Landini ha dichiarato: "L'elezione con oltre il 92% dei consensi parla a tutti e dice che c'è unità nella Cgil. Il punto adesso sono le cose da fare, la necessità di allargare la nostra rappresentanza, di rendere i giovani meno precari. Bisogna cambiare la leggi, rimettere al centro il lavoro, anche per questo il 9 febbraio saremo in piazza a Roma".

In tal senso il segretario è tornato a criticare la condotta del governo, in particolare sul tema dei migranti: "La chiusura dei porti, da parte del ministro dell'Interno, è insopportabile e inaccettabile. Per noi vengono sempre prima le persone. Dinanzi alla chiusura dei porti, noi siamo un'altra cosa. Alcuni fenomeni che vediamo nel Paese sono molto preoccupanti, quindi la manifestazione del 9 avrà anche al centro la difesa e l'applicazione dei principi della Costituzione. Invito chiunque vuole difendere la Carta ad essere in piazza con noi". Inoltre "Salvini è stato eletto in Calabria: ci torni adesso, nella tendopoli di San Ferdinando, a vedere i livelli di sfruttamento e caporalato".

Interpellato sul tema della Tav, Landini ha risposto: "La scelta di andare verso un blocco generalizzato dei cantieri non è intelligente. C'è un problema che riguarda un piano straordinario di strutture materiali e immateriali, come la cultura, che non vengono mai realizzate. Uno dei limiti del governo è il blocco degli investimenti. Visto che siamo a Bari, poi, voglio dire che il Mezzogiorno è completamente assente dalla manovra, al contrario occorre renderlo una questione nazionale". In conclusione, ha affermato, "il governo non cambia il Jobs Act. Nel programma dei cinque stelle c'era il ripristino dell'articolo 18, non mi sembra che lo stiano facendo. Il tema della povertà è reale, ma per risolverlo servono investimenti pubblici e privati"(Fonte Rassegna.it).









ELETTO IL NUOVO COMITATO PROVINCIALE INPS DI LATINA

Questa mattina, presso la sede dell’INPS di Latina, si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Presidente e del Vice Presidente del Comitato Speciale provinciale dell’ INPS.

Il Comitato è un importante Organo Collegiale di indirizzo, di controllo e di vigilanza per la gestione duale dell’Istituto previdenziale; la legge attribuisce al Comitato numerosi compiti e funzioni relativamente all’attività istituzionale dell’Ente, in particolare valuta e decide i ricorsi amministrativi avverso la reiezione di alcune prestazioni in materia pensionistica, assistenziale da parte degli uffici Inps, nell’ambito territoriale di competenza.

Gli aventi diritto al voto erano 13 tra rappresentanti di Organizzazioni Sindacali e Associazioni Datoriali, quali: CGIL, CISL, UIL, UGL, CNA, CONFCOMMERCIO, COLTIVATORI DIRETTI, DIRIGENTI AZIENDALI, DIREZIONE ISPETTORATO PROV.LE E RAGIONERIA DELLO STATO e il Direttore dell’INPS. Dallo scrutinio a voto segreto sono stati eletti all’unanimità, Salvatore Piccoli in qualità di Presidente rappresentante delle O.O.S.S., Vespasiano Di Spirito per le Associazioni datoriali.

Salvatore Piccoli di anni 69, di Sezze inizia giovanissimo la sua carriera sindacale in CGIL, dapprima come RSU, e dal 1978 viene distaccato presso la Camera del Lavoro di Latina, ha ricoperto molti incarichi tra cui: Segretario Generale della Fiom e della FML di Latina, dirigente sindacale della CGIL di Latina in pensione. Nel 1987 viene eletto Segretario generale aggiunto della CGIL di Latina, concludendo il suo percorso nel territorio pontino nella FLAI (agro industria). Nel 1996 viene eletto Segretario della Fillea di Roma e del Lazio, dove rimarrà fino al pensionamento. Nel 2006 torna a Latina, dove continua il suo impegno nella CGIL come Responsabile dell’Area Policentrica dei Monti Lepini.

Si distingue per diversi attività di coordinamento, in particolare, per gli innumerevoli accordi di contrattazione sociale, con riferimento alle politiche territoriali a sostegno dei lavoratori, dei giovani, degli anziani e degli stranieri, caratterizzandosi anche nel contrasto all’illegalità. Dal 2014 al 2018 riveste il ruolo di membro del Comitato Inps.

La sua elezione a Presidente del Comitato Inps è il riconoscimento al suo costante impegno nel mondo del lavoro e nel sociale, la CGIL di Frosinone Latina auspica un rilancio del Comitato Inps, in linea con il lavoro già avviato sotto la guida del Presidente uscente Lino de Luca. Nei prossimi giorni verrà convocata la riunione del primo Comitato di questo nuovo mandato, dove si definiranno le linee guida per la programmazione delle attività per il 2019.

Il neo Presidente ringrazia innanzitutto la CGIL, i componenti del Comitato che lo hanno eletto , e assicura che questo incarico sarà uno stimolo a migliorare ed efficientare i servizi al cittadino in materia pensionistica e previdenziale, con risposte puntuali e precise.

Inoltre un ringraziamento anche a CGIL, CISL e UIL, che hanno sostenuto la sua candidatura.
L a CGIL di Frosinone Latina ai neo eletti, Presidente, vice Presidente e membri del Comitato, Augura a tutti Buon Lavoro.

Anselmo Briganti

CGIL E FLAI, COMUNICATO STAMPA SU VICENDA BRACCIANTI LATINA

La Cgil e la Flai Cgil plaudono per l'operazione condotta dalla Squadra mobile di Latina nei confronti di soggetti dediti allo sfruttamento di stranieri impiegati in agricoltura e costretti a lavorare in condizioni disumane.

La situazione relativa allo sfruttamento dei lavoratori in agricoltura in questa Provincia, da tempo denunciata, ha ormai segnato livelli riscontrabili solo nelle parti più retrograde del Paese. Se il giorno dopo la firma in Prefettura del Protocollo per il lavoro di qualità in agricoltura apprendiamo simili notizie, significa che il fenomeno è così grave e complesso che affrontato nella sua interezza.

Diritti, dignità, rispetto e legalità sono le nostre parole d'ordine e i valori fondanti della nostra Organizzazione.

A più riprese la Cgil e la Flai Cgil hanno cercato di squarciare il velo di omertà che copre questo settore. Già dalle manifestazione del maggio 2010 e dell'aprile 2016, con la grande e straordinaria partecipazione di circa tremila braccianti agricoli della comunità indiana, abbiamo denunciato le problematiche legate al sotto salario, alle forme di sfruttamento, al mercimonio dei permessi di soggiorno.

Prova ne sono le decine di cause intentate dai nostri uffici vertenze. Le operazioni effettuate dalle Forze dell'Ordine che hanno portato all'arresto di alcuni faccendieri, (avvocati, commercialisti, impiegati pubblici, imprenditori, consulenti del lavoro compiacenti) confermano un diffuso sistema illegale da noi più volte segnalato.

Come nel caso del processo che ha visto la Flai Cgil costituirsi parte civile in cui erano coinvolti imprenditori del territorio, accusati di avere estorto somme di denaro in cambio della regolarizzazione degli stranieri operanti nelle loro imprese.

La Cgil e la Flai Cgil di Frosinone Latina ribadiscono il loro sostegno e fiducia all'azione delle forze dell'ordine e della Magistratura riconfermando il proprio impegno e operato per la cultura della legalità e continueranno senza alcun arretramento la propria opera contro ogni forma di sfruttamento e lesione della dignità delle persone.

La Cgil di Frosinone Latina  -  La Flai Cgil di Frosinone Latina

CGIL, CISL E UIL: IL 9 FEBBRAIO MANIFESTAZIONE A ROMA

La manifestazione del prossimo 9 febbraio di Cgil, Cisl e Uil - che si terrà di mattina, con concentramento ore 9:00 Piazza della Repubblica, ore 10:00 corteo e ore 11:30 ritrovo in Piazza del Popolo - sarà “innanzitutto una rivendicazione a sostegno della nostra piattaforma. C’è la necessità di cambiare l’impostazione del governo rispetto al tema degli investimenti, della creazione di lavoro, delle risposte che servono. Per adesso, abbiamo la conferma che sul versante reddito di cittadinanza e cosiddetto ‘cambiamento’ della legge Fornero, siamo ben distanti dalle risposte universali di cui abbiamo bisogno”. A dirlo è il Segretario Generale della CGIL Susanna Camusso rispondendo ai giornalisti a margine del congresso Spi.

“Il tema vero – ha aggiunto – è che manca l’idea di come creare lavoro, mancano gli investimenti, manca un fisco a sostegno dell’universalità. Le critiche che abbiamo fatto sulla bozza non hanno trovato cambiamenti nella versione finale. Non ne ha potuto discutere il Parlamento, non abbiamo potuto farlo neanche noi”.

"Il consenso delle decine di migliaia di lavoratori, pensionati e giovani alle proposte di Cgil, Cisl, Uil, emerso in occasione delle centinaia di assemblee organizzate su tutto il territorio nazionale, è stato pressoché unanime e ha rappresentato un primo importante momento di confronto e discussione delle proposte sindacali con i lavoratori e i pensionati italiani sul documento consegnato nello scorso mese di dicembre al Presidente del Consiglio che si era impegnato a dare continuità al confronto, mai avvenuto, su alcuni capitoli indicati dal sindacato. La legge di bilancio "appena approvata - sottolineano i sindacati confederali -, ha lasciato irrisolte molte questioni fondamentali per lo sviluppo del Paese, a partire dai temi del lavoro,delle pensioni, del fisco, degli investimenti per le infrastrutture, delle politiche per i giovani, per le donne e per il Mezzogiorno. Temi sui quali Cgil, Cisl e Uil hanno avanzato indicazioni e proposte credibili e realizzabili che non hanno trovato riscontro nella legge di stabilità avanzata dal Governo". È su queste basi che Cgil, Cisl e Uil hanno confermato l'intenzione di reagire con una manifestazione nazionale unitaria fissando la data per il 9 febbraio a Roma.

COMUNICATO STAMPA - AREA DI CRISI COMPLESSA



Cgil Cisl Uil e Ugl, in questi mesi, hanno profuso il massimo impegno per garantire nell’area di crisi complessa di Frosinone, Colleferro e Rieti, la copertura economica della mobilità in deroga nel 2018 e il rifinanziamento della stessa nella Legge di Bilancio del Governo per il 2019.
Purtroppo ci siamo dovuti confrontare con problemi legati all’aumento della platea dei lavoratori, ad oggi circa 1.600, dovuta, per alcuni di loro, alla fine dell’indennità di mobilità ordinaria.
E’ necessario ricordare che solo grazie alla grande perseveranza delle Organizzazioni Sindacali e dei tanti lavoratori, che siamo riusciti il 28 Febbraio 2018 a sottoscrivere un accordo con la Regione Lazio con il quale abbiamo mantenuto, in questi anni di crisi,l’opportunità di accedere alla mobilità in deroga.
Nonostante questi risultati, purtroppo, ad oggi, riscontriamo che il Ministero del Lavoro non ha ancora comunicato alla Regione l’ufficialità delle risorse messe a disposizione, senza la quale la Regione Lazio non può trasmettere all’INPS le determine che autorizzano il pagamento.
Cgil, Cisl, Uil e Ugl, a fronte del fatto che tale situazione crea una indeterminatezza sociale ed economica, chiedono che vengano immediatamente attivate tutte le procedure necessarie per l’erogazione dell’indennità.





CAMPAGNA DISOCCUPAZIONE AGRICOLA 2019

A partire dal 7 gennaio è iniziata - e andrà avanti fino al 29 marzo 2019 - la campagna di disoccupazioni agricole. Come sapete nel nostro territorio i lavoratori agricoli sono numerosissimi e di questi la maggior parte ha un contratto a tempo determinato. Ciò fa si che il loro lavoro sia legato fortemente alla stagionalità delle produzioni agricole e proprio per questo per loro la disoccupazione diventa uno strumento insostituibile di sostegno economico.

Questo periodo rappresenta per la Flai una fase di grande impegno, sotto ogni punto di vista. In passato vi sono stati casi di lavoratori che si sono si rivolti alla Cgil per problematiche non legate al loro contratto (isee, test di italiano, ecc..) e non accedendo di conseguenza alla categoria di competenza, hanno perso l’occasione di avere informazioni preziose, ad esempio su prestazioni e/o rimborsi ai quali avevano diritto.

Noi vogliamo superare tutto questo e far si che la campagna di disoccupazione possa diventare un’occasione per ampliare i diritti e darne concreto esercizio. Per fare tutto questo però è necessario conciliare il lavoro ordinario con il periodo di intenso impegno della campagna disoccupazioni agricole.

I lavoratori possono recarsi presso i nostri uffici del Patronato Inca oppure direttamente presso la Flai. 


IO MI AFFIDO ALLA FLAI CGIL E SONO TUTELATO

Insieme possiamo fornire a chi si rivolge a noi più tutele, più assistenza, più possibilità di partecipazione. Il cambiamento, il rinnovamento può partire solo da noi, dal nostro modo di rendere le persone più consapevoli dei propri diritti e maggiormente attive nella costruzione del proprio futuro.

DIRITTO ALLA DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

I LAVORATORI AGRICOLI CHE NEL BIENNIO 2017-2018 HANNO LAVORATO ALMENO
102gg (agricole ed extra agricole) CON PREVALENZA DI GIORNATE AGRICOLE NEL 2018 o
nel biennio, hanno diritto alla Disoccupazione Agricola

Per l'accredito della DISOCCUPAZIONE AGRICOLA sul TUO CONTO CORRENTE è
OBBLIGATORIO presentare il MOD. SR 163 SE E' LA PRIMA VOLTA O SE HAI CAMBIATO
BANCA, NON IMPORTA SE LO HAI PORTATO L'ANNO PASSATO, COMUNQUE IL
MODULO POTRAI TROVARLO PRESSO I NOSTRI UFFICI

AL MOMENTO DELLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI DISOCCUPAZIONE
RICORDATI DI PORTARE:
  • FOTOCOPIA DELLA CARTA D'IDENTITÀ VALIDA E DELLE BUSTE PAGA 2018
  • MOD. SR 163 CON COD. IBAN BANCARIO O POSTALE OBBLIGATORIO PER IL PAGAMENTO
  • TAGLIANDI DI MALATTIA, INFORTUNIO, MATERNITÀ
  • PER CHI DEVE INOLTRARE LA DOMANDA DI ASSEGNI FAMILIARI OCCORRONO I REDDITI DEGLI ANNI 2016 E 2017 (COMPRESI QUELLI DEL CONIUGE)

Se hai dubbi presentati comunque nei nostri uffici!

OPPURE CHIAMACI PER AVERE QUALSIASI CHIARIMENTO RICORDA CHE: HAI TEMPO FINO AL 29 MARZO 2019 PER PRESENTARE LA DOMANDA

FLAI CGIL FROSINONE LATINA
LAURA HARDEEP KAUR 328 7052579 l.hardeep@lazio.cgil.it
STEFANO MOREA 346 3965445 s.morea@lazio.cgil.it

CONTROLLI PER RIESAMI E RICORSI
Gli operatori INCA e i funzionari FLAI sono a disposizione per controllare anomalie che si
riscontrassero al momento della liquidazione della disoccupazione e per eventuali riesami e/o
ricorsi.

FISLAS
SE HAI AVUTO UN PERIODO DI MALATTIA CERTIFICATA DAL MEDICO O HAI SUBITO
UN INFORTUNIO SUL LAVORO

Quando l’INPS/INAIL ti avrà pagato la malattia/infortunio, ricordati di presentare la domanda di
integrazione al FISLAS: il fondo contrattuale di integrazione economica per i lavoratori
dell’agricoltura (fissi e avventizi).

INFORTUNIO SUL LAVORO
Se hai subito un infortunio sul lavoro rivolgiti al Patronato INCA-CGIL e fai patrocinare la tua
pratica in modo da salvaguardare i tuoi diritti.
Il patronato INCA-CGIL lo trovi nelle principali Camere del Lavoro.

FISA
Se hai subito un Infortunio , un Intervento Chirurgico o se stato ricoverato per più di 4 giorni, hai
diritto a richiedere un rimborso al Fondo Integrativo Sanitario Nazionale per te e eventualmente per
un tuo familiare.

NON DIMENTICARE....IL DIRITTO ALLA RIASSUNZIONE

Ti ricordiamo che è un diritto contrattuale individuale che deve essere esercitato!
Per aver riconosciuto tale diritto, potrai compilare e consegnare direttamente il modello durante la
compilazione della domanda di disoccupazione agricola nei nostri Uffici.

Per INFORMAZIONI sulla DISOCCUPAZIONE AGRICOLA, il tuo contratto di lavoro, la
previdenza agricola, per controllare la tua BUSTA PAGA, compilazione del FISLAS, o per
qualsiasi altra informazione rivolgiti hai nostri uffici:

LATINA via Cerveteri, 2/a
LUNEDI’ MARTEDÌ MERCOLEDÌ dalle 9.00 alle 13.30 (FLAI)
GIOVEDÌ VENERDÌ dalle 14.30 alle 19.00 (FLAI)

Per la compilazione potrete usufruire, anche, dell'ufficio Inca nell'orario di apertura al pubblico e
tutti i giorni del servizio presso l’ufficio del Patronato INCA CGIL

LATINA SCALO via delle Industrie, 6 (piazzale EUROSPIN)
LUNEDÌ dalle 15.00 alle 18.30 (FLAI)
GIOVEDÌ dalle 9.00 ALLE 13.00 (FLAI)

Per la compilazione potrete, anche, usufruire dell'ufficio Inca il MERCOLEDÌ nell'orario di
apertura al pubblico.

LATINA CENTRO via Eroi del lavoro, 5 (accanto INPS)
MERCOLEDÌ dalle ore 9.00 alle 13.00
VENERDÌ dalle 9.00 alle 13.00

PONTINIA via IV Novembre, 6
MARTEDÌ dalle ore 15.00 alle 18.30 (FLAI)

Per la compilazione potrete usufruire, anche, dell'ufficio Inca nell'orario di apertura al pubblico
presso la stessa sede.

SABAUDIA - BELLA FARNIA Largo Russia
MERCOLEDÌ dalle 17.00 alle 20.30 (ufficio mobile FLAI)

TERRACINA via Fosse Ardeatine, 1
LUNEDÌ dalle ore 9.00 alle ore 13.00 dalle ore 14.00 alle ore 17.00
MARTEDÌ – GIOVEDÌ dalle ore 9.00 alle ore 13 dalle ore 15.00 alle 18.00

Inoltre presso:
INCA CGIL Aprilia via dei Lauri, 84
INCA CGIL Cisterna di Latina
INCA CGIL Sezze via Piagge Marine, 5
INCA CGIL Priverno
CGIL Sonnino via Cesare Battisti, 51
CGIL Gaeta via Piave, 5
CGIL Formia Piazza della Vittoria, 3
CGIL Minturno via A. Sebastiano, 210

Per la compilazione potrete usufruire dell'ufficio Inca nell'orario di apertura al pubblico e degli
uffici SPI – CGIL

Puoi trovarci per la compilazione delle domande per la disoccupazione agricola anche in giro con
l’Ufficio Mobile FLAI chiedi dove siamo nelle camere del Lavoro o chiamaci al numero 346 3965445


ELETTO IL NUOVO COMITATO PROVINCIALE INPS DI FROSINONE

È avvenuta - in data 10 gennaio 2019 - l'elezione del nuovo Comitato Provinciale INPS di Frosinone, Organo collegiale di fondamentale importanza, nell’indirizzo e nella vigilanza, per la gestione duale dell’Istituto Previdenziale; ricordiamo, infatti, che il Comitato Provinciale INPS decide i ricorsi presentati da iscritti e pensionati avverso gli atti assunti dall'Istituto in materia di iscrizione, ricongiunzione e riscatto, determinazione della retribuzione annua pensionabile, di contributi e in tema di prestazioni previdenziali. 

All’Ordine del Giorno l’elezione del nuovo Presidente, in sostituzione del precedente in scadenza di mandato. Ringraziando per il lavoro svolto il Presidente uscente Arcangelo Compagnoni, sindacalista della CGIL, ci congratuliamo con Pietro Maceroni, del sindacato CISL, eletto nuovo Presidente; inoltre, facciamo i nostri auguri alla Compagna Maria Antonietta Burelli dello SPI CGIL Frosinone Latina e al Compagno Antonio Sessa della FP CGIL Frosinone Latina per l'elezione nel ruolo di rappresentanti dei Lavoratori e delle Lavoratrici.