IN EVIDENZA
latest

Slider

Notizie

randomposts3

In evidenza

Ultime Notizie

RENO DE MEDICI: INCONTRO TRA AZIENDA, REGIONE E SIGLE SINDACALI



Nella giornata di oggi, martedì 27 febbraio 2024, presso il Mimit a Roma, si è svolto l'incontro tra la cartiera Reno de Medici, presente con tutti i vertici aziendali, la Regione Lazio e le strutture sindacali di SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL e UGL CHIMICI CARTA e STAMPA nazionali, le strutture territoriali e le RSU dello stabilimento RdM di Villa Santa Lucia (Cassino), le istituzioni territoriali e Assocarta.

L’Amministratore Delegato di RdM, Dott. Bianchi, dopo aver ripercorso brevemente la storia di questi ultimi due anni, che vedono la cartiera ferma dal luglio scorso per problemi amministrativi legati allo smaltimento delle acque con il depuratore consortile ed anche problematiche emerse per l’utilizzo dei fanghi primari all'interno del ciclo produttivo, procedimenti che hanno portato l’azienda all’avvio della procedura di cessazione di attività, nel ringraziare l’impegno di tutte le parti in causa, dai sindacati alle istituzioni ed in primis alla Regione Lazio, ha proseguito annunciando la scelta di ripartire con la produzione in questo sito.

Il Ministero, nella persona del dott. Castano, ha chiesto quindi cosa intendesse fare la RdM con la procedura di cessazione, se sospenderla o annullarla con il ritiro, caldeggiando la seconda ipotesi.
Le OO.SS Nazionali unitariamente hanno sottolineato con forza la necessità di ritirare la procedura e con questa richiesta sono state concordi anche le istituzioni a livello locale e regionale.

Assocarta ha inoltre fatto presente che unitamente alla Regione Lazio è stato presentato un interpello al ministero dell’Ambiente sul tema in particolare sull’utilizzo dei fanghi primari all’interno delle cartiere.

L’azienda dopo attenta valutazione ha, per conto dell’amministratore delegato, con tutte le cautele del caso, dichiarato ufficialmente il ritiro della procedura e il riavvio, con i tempi necessari, della produzione e di tutta la cartiera stessa.

Le OO.SS esprimono soddisfazione per la soluzione adottata e accolgono con favore questa decisione sicuri di poter comunicare ai lavoratori e alle loro famiglie questa notizia auspicando che tutti i problemi verranno risolti e che la ripartenza porterà sicuramente serenità in quel territorio. 




SABATO 24 FEBBRAIO IN PIAZZA A CASSINO PER DIRE: “BASTA GUERRA! COSTRUIAMO INSIEME LA PACE”



La CGIL Frosinone Latina, insieme ad altre organizzazioni tra cui l'Anpi, la Caritas Diocesana, la Rete degli Studenti Medi, il Centro Diritti, Exodus, il Comitato Azione Pace e la Comunità Ucraina, promuove l'iniziativa "Basta guerra! Costruiamo insieme la pace" che si terrà in Piazza Diamare a Cassino il Sabato 24 febbraio dalle ore 17, in occasione della Giornata nazionale di mobilitazione per il cessate il fuoco in Palestina ed in Ucraina. L'iniziativa si propone di ribadire il rifiuto di tutte le guerre e del riarmo, per costruire un mondo pacifico e sicuro. Si chiede alle istituzioni italiane ed europee di impegnarsi per diverse azioni, tra cui il bando delle armi nucleari, la riduzione delle spese militari a favore della spesa sociale e la riconversione dell'industria bellica. Si richiede inoltre l'immediato cessate il fuoco in Ucraina e nella Striscia di Gaza, la liberazione degli ostaggi israeliani e dei prigionieri palestinesi, il riconoscimento dello Stato di Palestina e la soluzione politica e non militare della guerra in Ucraina.

Il cammino verso la Pace deve coinvolgere tutti i paesi e tutte le persone. L'unico modo per fermare la follia delle guerre e ridurre il pericolo di una guerra nucleare è unire le nostre forze, assumerci le nostre responsabilità civili e democratiche e lottare per la pace e il rispetto del diritto internazionale. Dobbiamo promuovere un'economia civile e sostenibile, basata sulla cooperazione e sull'autodeterminazione dei popoli, eliminando il colonialismo in tutte le sue forme e evitando una politica basata sulla minaccia nucleare e su alleanze militari contrastanti.

Il nostro compito è costruire una società globale pacifica, rispettosa dei diritti umani e dell'ambiente, per lasciare alle future generazioni un mondo migliore di quello che abbiamo ricevuto. Non potremo avere giustizia sociale e ambientale, né lavoro dignitoso o democrazia piena in un mondo sempre più segnato dalla guerra, dove le risorse sono spese per la morte anziché per la vita, e dove la giustizia e il rispetto del diritto internazionale sono calpestati impunemente.

La guerra non risolve i problemi, e non dobbiamo abituarci all'orrore che porta. Impegnarsi oggi per la pace, il disarmo e la nonviolenza significa affrontare le sfide globali che ci troviamo di fronte, altrimenti rischiamo di distruggere i nostri diritti, la nostra convivenza, le nostre democrazie e il nostro pianeta.
Saremo tutti uniti per ribadire il nostro NO alla guerra e al riarmo, e per chiedere alle istituzioni italiane ed europee di scegliere la via della pace. Sarà un momento di condivisione, di riflessione e di impegno civico, dove ognuno di noi potrà contribuire a costruire un futuro migliore per tutti.

Vi aspettiamo numerosi a Piazza Diamare il 24 febbraio, a partire dalle ore 17 perché insieme possiamo fare la differenza, dare voce ai valori della pace, della solidarietà e della giustizia.
Uniti per la Pace.


TRAGEDIA NEL CANTIERE DEL SUPERMERCATO A FIRENZE, CGIL E UIL: MERCOLEDÌ 21 SCIOPERO NAZIONALE, A FROSINONE LE O.S. CHIEDONO URGENTEMENTE UN INCONTRO AL PREFETTO E ORGANIZZANO UN PRESIDIO CON I LAVORATORI



Il recente crollo del cantiere a Firenze, che ha causato la morte di quattro lavoratori, rappresenta un evento tragico e inaccettabile che ha scosso profondamente la comunità e richiama l'attenzione sulla necessità di affrontare seriamente le questioni legate alla sicurezza sul lavoro. 

La CGIL e la UIL, insieme alle Categorie degli edili e dei metalmeccanici – Fillea Cgil, Feneal Uil, Fiom Cgil e Uilm Uil - dichiarano due ore di sciopero a livello nazionale per mercoledì 21 febbraio. La CGIL Frosinone Latina e la UIL Frosinone si uniscono al coro di condanna per questa tragedia ed esprimono totale vicinanza alle famiglie delle vittime, ma vogliono anche sottolineare con forza che i messaggi di cordoglio non bastano più! Il lavoro e la sicurezza devono essere al centro dell’attenzione politica per mettere in atto soluzioni concrete, proprio a partire dai luoghi a maggior rischio come i cantieri. Ecco perché le due organizzazioni sindacali confederali, assieme a tutte le categorie, hanno ufficialmente fatto richiesta d'incontro urgente al Prefetto del capoluogo ciociaro per condividere le proprie preoccupazioni sulla tutela e sulla sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro. Inoltre, ci sarà un presidio a partire dalle ore 15 in Piazzale Vittorio Veneto.

Una delle principali cause che continuano a portare simili tragedie è rappresentata dalle leggi che consentono i subappalti a cascata nei cantieri. Questo fenomeno crea una catena di responsabilità diluita e complessa da individuare, favorendo situazioni di precarietà e scarsa sicurezza per i lavoratori. È urgente rivedere e rafforzare la normativa in materia di appalti pubblici e subappalti al fine di garantire condizioni di lavoro dignitose e sicure per tutti.

Altrettanto preoccupante è la quasi totale assenza di controlli efficaci in termini di salute e sicurezza nei cantieri. Troppo spesso, le norme esistenti vengono disattese e le violazioni non vengono sanzionate adeguatamente. È necessario un intervento deciso delle istituzioni per rafforzare i controlli e assicurare il rispetto delle normative in materia di sicurezza sul lavoro.

"Questa tragedia ci deve spingere a riflettere e agire con determinazione. È fondamentale un intervento immediato della politica e delle istituzioni affinché, attraverso una corretta e costante applicazione dei dispositivi di legge e dei protocolli di sicurezza, si possa prevenire la ripetizione di eventi simili. È anche necessario intensificare i controlli sul territorio, assumendo nuovo personale qualificato per garantire una maggiore vigilanza sui cantieri e proteggere la vita dei lavoratori." Questo quanto dichiarato da Giuseppe Massafra, segretario generale CGIL Frosinone Latina e da Anita Tarquini, segretaria generale UIL Frosinone.

Per questi motivi la CGIL Frosinone Latina e la UIL Frosinone, assieme a tutte le federazioni di categoria, sono convinte che un coinvolgimento a tutti i livelli delle istituzioni sia determinante e pertanto sarà fondamentale costruire un tavolo di confronto con il Prefetto Ernesto Liguori. Ed è proprio sotto la Prefettura, nel Piazzale Vittorio Veneto, che a partire dalle ore 15 di mercoledì 21 febbraio ci sarà un presidio di lavoratori delle due organizzazioni sindacali: è fondamentale mostrare solidarietà alle vittime e alle loro famiglie e al contempo richiedere con forza un cambiamento radicale nelle politiche e nelle pratiche che regolano il settore edile.

La lotta per una maggiore sicurezza sul lavoro rappresenta una priorità assoluta per la CGIL Frosinone Latina e per la UIL Frosinone; continueremo a impegnarci attivamente affinché tragedie come questa non accadano più.

TRAGEDIA NEL CANTIERE A FIRENZE, CGIL E UIL: MERCOLEDÌ 21 SCIOPERO NAZIONALE, A LATINA LE SIGLE SINDACALI CHIEDONO INCONTRO URGENTE AL PREFETTO E ORGANIZZANO UN PRESIDIO



Il recente crollo del cantiere a Firenze, che ha causato la morte di quattro lavoratori, rappresenta un evento tragico e inaccettabile che ha scosso profondamente la comunità e richiama l'attenzione sulla necessità di affrontare seriamente le questioni legate alla sicurezza sul lavoro. 

La CGIL e la UIL, insieme alle Categorie degli edili e dei metalmeccanici – Fillea Cgil, Feneal Uil, Fiom Cgil e Uilm Uil - dichiarano due ore di sciopero a livello nazionale per mercoledì 21 febbraio. La CGIL Frosinone Latina e la UIL Latina si uniscono al coro di condanna per questa tragedia ed esprimono totale vicinanza alle famiglie delle vittime, ma vogliono anche sottolineare con forza che i messaggi di cordoglio non bastano più! Il lavoro e la sicurezza devono essere al centro dell’attenzione politica per mettere in atto soluzioni concrete, proprio a partire dai luoghi a maggior rischio come i cantieri. Proprio per questo, le due organizzazioni sindacali confederali, congiuntamente a tutte le federazioni di categoria, hanno ufficialmente fatto richiesta d'incontro urgente al Prefetto del capoluogo pontino per esporre le proprie preoccupazioni sulla tutela e sulla sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro. Inoltre, ci sarà un presidio a partire dalle ore 15 in Piazza della Libertà.

Una delle principali motivazioni che continuano a provocare simili tragedie è costituita dalle normative che consentono la pratica dei subappalti a catena nei cantieri. Questa situazione genera una catena di responsabilità frammentata e difficile da individuare, promuovendo situazioni di instabilità e scarsa sicurezza per i lavoratori. È urgente rivedere e potenziare la legislazione riguardante gli appalti pubblici e i subappalti al fine di assicurare condizioni di lavoro dignitose e sicure per tutti.

Altrettanto preoccupante è la quasi totale mancanza di controlli efficaci in termini di salute e sicurezza nei cantieri. Troppo spesso, le normative vigenti vengono trascurate e le violazioni non sono punite adeguatamente. È necessario un intervento risoluto da parte delle istituzioni per rafforzare i controlli e garantire il rispetto delle normative sulla sicurezza sul lavoro.

"Questa tragedia ci invita si a riflettere ma soprattutto ad agire con fermezza. È essenziale un intervento tempestivo da parte della sfera politica e istituzionale, al fine di evitare la ricorrenza di incidenti analoghi mediante una rigorosa e costante applicazione delle norme di legge e dei protocolli di sicurezza. È altresì urgente potenziare i controlli sul territorio, reclutando nuovo personale qualificato per assicurare una sorveglianza più attenta sui cantieri e tutelare la vita dei lavoratori." Questo quanto dichiarato da Giuseppe Massafra, segretario generale CGIL Frosinone Latina e da Luigi Garullo, segretario generale UIL Latina.

Per queste ragioni la CGIL Frosinone Latina e la UIL Latina, assieme a tutte le federazioni di categoria, sono convinte che un coinvolgimento a tutti i livelli delle istituzioni sia determinante e pertanto sarà fondamentale costruire un tavolo di confronto con il Prefetto Maurizio Falco. Proprio sotto la Prefettura a partire dalle ore 15 ci sarà un presidio con i lavoratori delle due organizzazioni sindacali. 

In ogni caso, un presidio di lavoratori delle due sigle sindacali sarà presente sotto la Prefettura mercoledì 21 febbraio a partire dalle ore 15: è fondamentale mostrare solidarietà alle vittime e alle loro famiglie e al contempo richiedere con forza un cambiamento radicale nelle politiche e nelle pratiche che regolano il settore edile.

La lotta per una maggiore sicurezza sul lavoro rappresenta una priorità assoluta per la CGIL Frosinone Latina e per la UIL Latina; continueremo a impegnarci attivamente affinché tragedie come questa non accadano più.

ASL LATINA ESTERNALIZZA PER MANCANZA DI PERSONALE AMMINISTRATIVO: OCCORRE UN PIANO ASSUNZIONI NELLA SANITÀ



La Asl di Latina, in considerazione della grave carenza di personale amministrativo, così come riportato nella Delibera n. 56 del 16.01.2024 “…Atteso che – come riferito dalla Direzione strategica, ogni misura di riorganizzazione delle risorse non è risultata idonea a coprire la grave carenza di personale amministrativo…” ha esternalizzato ad una società esterna specializzata la chiusura del bilancio d’esercizio 2023 periodo gennaio-maggio 2024 pari a Euro 129.930,00;

Qualora ce ne fosse bisogno vi è la prova provata della mancanza di personale, in questo caso amministrativo. La sanità non è fatta solo di personale sanitario, tecnico, di supporto, specialistico che purtroppo è ancora carente, ma anche di personale amministrativo che permette il corretto funzionamento dell’intera macchina aziendale. 

Purtroppo abbiamo come l’impressione che c’ è una volontà, da parte della politica, di aspettare fino all’ultimo il verificarsi e crearsi del problema, senza una vera progettualità, così da poter intervenire in urgenza e esternalizzare servizi importanti. Da tempo denunciamo che senza assunzioni del personale le strutture finanziate dal PNRR (Case di Comunità, Cot, Ospedali di Comunità) correranno il rischio di essere delle cattedrali nel deserto.

In attesa della realizzazione del Nuovo Ospedale di Latina e del Nuovo Ospedale del Golfo riteniamo necessario potenziare gli Ospedali di Terracina e Fondi, così come la sanità territoriale. Purtroppo la mancanza di personale in sanità ha ricadute negative sia sul personale che sulla cittadinanza tramutandosi in liste di attesa più lunghe, sanità territoriale poco efficace e sovraffollamento dei pronto soccorso. Serve potenziare la sanità pubblica prima che sia troppo tardi, assunzioni subito.


Funzione Pubblica CGIL Frosinone Latina
CGIL Frosinone Latina

FEMMINICIDIO A CISTERNA DI LATINA, LA CGIL CHIEDE UN INTERVENTO IMMEDIATO

Cisterna di Latina è profondamente scossa, la sua comunità è intrisa di dolore e rabbia in seguito alla tragedia che certamente è destinata a lasciare un'indelebile ferita nella sua tessitura sociale. Una giovane madre e sua figlia, sono le vittime indifese di un crudele atto di femminicidio, perpetrato da chi non ha tollerato il coraggio e la volontà di libertà della sua ex compagna. Questo ennesimo episodio drammatico sottolinea in modo sconvolgente la persistente violenza che le donne sono costrette ad affrontare in una società ancora intrisa di pregiudizi e oppressione.

Anna Del Vecchio, segretaria confederale della CGIL Frosinone Latina, ha sollevato con veemenza la necessità impellente di un intervento immediato e incisivo da parte delle istituzioni e di tutta la società civile:”Occorre contrastare e sradicare le barriere psico-sociali e culturali che continuano a minare l'autodeterminazione femminile. È tempo di agire con decisione. Proprio per questo, proponiamo una campagna educativa diffusa capillarmente, che coinvolga le istituzioni scolastiche, i luoghi di lavoro e ogni contesto in cui sia possibile intervenire”.

La CGIL non si limita a esprimere vicinanza e solidarietà alla famiglia delle vittime, ma solleva un ennesimo grido di allarme verso le autorità, richiedendo provvedimenti concreti volti a garantire la sicurezza delle donne e a proteggerle da ogni forma di violenza. Non possiamo più assistere passivamente a queste tragedie, dobbiamo agire con fermezza e determinazione.

Mentre la nostra comunità piange la perdita di vite innocenti, è indispensabile che l'intera società si unisca in un fronte compatto per porre fine a questa piaga, per creare un ambiente in cui le donne possano vivere libere da timori e restrizioni, in piena autodeterminazione e dignità. Solo così potremo veramente affermare di essere una società giusta e progressista.



LA SENTENZA CONTRO LO SFRUTTAMENTO A LATINA: FONDAMENTALE L'IMPEGNO NELLA LOTTA AL CAPORALATO 



La recente sentenza emessa a Latina, che ha condannato il titolare di un'azienda di Borgo Sabotino a 5 anni di reclusione e al pagamento di un risarcimento economico per sfruttamento del lavoro nei confronti di Singh Balbir, rappresenta un momento cruciale nella lotta contro il caporalato. Questo verdetto non solo sottolinea l'importanza di perseguire coloro che sfruttano i lavoratori, ma evidenzia anche il ruolo fondamentale delle parti sociali, degli attivisti e di tutti quei soggetti che come la CGIL svolgono nella tutela dei diritti di questi lavoratori.

Ad esempio, il contributo di Marco Omizzolo, una figura rilevante nella lotta al caporalato nella provincia di Latina, è stato determinante. Omizzolo ha fornito un sostegno decisivo a Singh Balbir e ad altri lavoratori sfruttati, aiutandoli a denunciare le pratiche abusive e a perseguire la giustizia. Il suo impegno ha contribuito a portare alla luce casi di sfruttamento e a sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza di combattere il caporalato.

La stessa CGIL di Frosinone e Latina ha sempre dimostrato un impegno costante e determinato nella lotta contro il caporalato adoperandosi in ogni circostanza per sensibilizzare l'opinione pubblica, collaborare con le istituzioni e fornire supporto legale e sociale ai lavoratori vittime di sfruttamento; ed è anche grazie a tutto questo che casi come quello di Singh Balbir sono stati portati alla luce e trattati con la giusta severità dalla magistratura. 

Tuttavia, nonostante questa importante vittoria legale, la lotta contro il caporalato è tutt'altro che conclusa.
Il caporalato continua a rappresentare una piaga sociale diffusa, alimentata dall'inesauribile domanda di manodopera a basso costo e dalla complicità di individui senza scrupoli che traggono profitto dall'oppressione dei lavoratori.

Per continuare a contrastare efficacemente il caporalato, è necessaria un'azione sinergica che coinvolga non solo il sindacato, ma anche le istituzioni locali e nazionali, la società civile e il settore privato. È fondamentale rafforzare le leggi esistenti e adottarne di nuove che garantiscano una protezione adeguata ai lavoratori e puniscano severamente coloro che si rendono colpevoli di sfruttamento.

La sentenza contro il titolare dell'azienda di Borgo Sabotino è un importante traguardo nella lotta contro il caporalato, ma è solo l'inizio di un lungo cammino verso una società più giusta e solidale per tutti i lavoratori.






VALDITARA PARLA DEL FUTURO E I TOPI BALLANO: NELL'ISTITUTO SAN BENEDETTO A BORGO PIAVE (LATINA), IL MINISTRO – ASSIEME A DURIGON – METTE AL CENTRO I BISOGNI DELLE IMPRESE NEL SISTEMA PRODUTTIVO DEL FUTURO, INTANTO NEI LOCALI MENSA IMPERVERSANO I TOPI. IL VIDEO!

Nella scuola secondaria Istituto San Benedetto di Borgo Piave a Latina, mentre il Ministro dell'Istruzione Giuseppe Valditara, alla presenza anche del Senatore Durigon e della Onorevole Giovanna Miele, presiede una discussione incentrata sulla riforma degli ITS Academy come base dello sviluppo economico futuro, nella mensa dell'istituto superiore condizioni igienico sanitarie pietose la fanno da padrone, con topi che gironzolano liberamente nei locali scolastici.

Si materializza quindi la grande contraddizione di una narrazione da parte di questo Governo che ostenta centralità del sistema educativo, seppure piegato ai bisogni del mercato, che pontifica sulla innovazione di un sistema scolastico che deve raccogliere la sfida dei cambiamenti epocali e che poi si scontra con la condizione di degrado in cui versano gli istituti scolastici, a partire da quello che oggi ha ospitato il Ministro.



Idee quanto meno discutibili, se ne fosse data la possibilità di discuterle: Valditara nel suo intervento più volte sottolinea come secondo la sua opinione al centro del lavoro del futuro ci dovranno essere fondamentalmente i bisogni delle aziende; il ruolo della formazione e il valore umano dovranno essere inesorabilmente sottoposti ad essi. E intanto, mentre il Ministro  dispensa ricette su come colmare il gap tra la domanda e l'offerta di lavoro nel nostro territorio, nei contigui locali mensa dell'istituto i topi – così come si vede nel video e nelle foto - gironzolano indisturbati da mesi mettendo a rischio la salute e la sicurezza degli studenti e del personale scolastico. Questa situazione è inaccettabile e nonostante la categoria sindacale abbia sollevato ripetutamente la questione.

Questo episodio ci rende ancora più convinti che servirebbe meno propaganda, meno prosopopea, ma un’attenzione vera alle condizioni in cui versano le strutture educative del nostro Paese, le condizioni di coloro che operano all’interno di esse e la qualità dell’offerta formativa che al centro deve mettere il patrimonio più prezioso che abbiamo: gli studenti.


CGIL FROSINONE LATINA

NEL LAZIO REGNA IL LAVORO PRECARIO, NUMERI PESANTI SU FROSINONE E LATINA



Patrizia Fieri, segretaria confederale della CGIL Frosinone Latina, riportando i dati dello studio della CGIL del Lazio, fotografa la triste realtà della situazione del mercato del lavoro nelle nostre due province. “Nonostante l’economia del Lazio sia una delle più importanti del Paese, si registri un aumento dei redditi complessivi dichiarati e crescano i depositi bancari, il mondo del lavoro non vive i benefici di questo miglioramento. Nel Lazio c’è un’emergenza che riguarda il lavoro che si chiama precarietà, una piaga certamente non recente ma che le scelte quantomeno spericolate degli uiltimi governi hanno ulteriormente esasperato. Il risultato è che il Lazio, sia in periodi di contrazione economica che di crescita, vede aumentare solo il lavoro precario e di brevissima durata”.

Infatti, stando allo studio che la CGIL di Roma e del Lazio ha svolto sui dati occupazionali, nella provincia di Frosinone l’84% dei contratti attivati è a tempo determinato, ovvero 4.311, contestualmente le cessazioni dei contratti a tempo indeterminato sono 3.385 con un saldo negativo tra contratti attivati e cessati; sulla provincia di Latina il dato addirittura peggiora, il 93% è a tempo determinato, pari a 128,048, questo è dovuto soprattutto alla stagionalità che caratterizza il territorio, sia nell’agricoltura che nel settore turistico, ma a conferma del dato nazionale, sono soprattutto le lavoratici donne a subire questo precariato estremo dove il 17% dei contratti è inferiore a 3 giorni, e l’età media è compresa tra i 35 e i 55 anni.

Tranne che nella tipologia di lavoro autonomo, le donne hanno sempre il primato sul lavoro precario, soprattutto sul part time involontario, l’assurdo lo si raggiunge nei settori quali pubblica amministrazione, istruzione, sanità, dove le cessazioni sono superiori alle attivazioni, con le conseguenze che ne derivano rispetto alla continuità lavorativa necessaria per queste tipologie di impiego.

Continua poi Patrizia Fieri: “Se analizziamo le cessazioni dei contratti, si evidenzia che il 70% su Latina e il 57% su Frosinone è dovuto al termine e non per dimissioni volontarie magari con l’alternativa di un altro impiego, sperando sia a tempo indeterminato, e ancora una volta la superiorità numerica è tutta al femminile senza distinzione di provincia”. Conclude la segretaria confederale:”Questi dati confermano che la “via maestra” intrapresa dalla CGIL , è quella da percorrere , oggi più che mai il contrasto al precariato, la necessità di buona occupazione, la stabilità economica, l’uguaglianza tra lavoratori, pari dignità e diritti ,sono l’obiettivo da raggiungere, dobbiamo impegnarci tutti, perché il lavoro c’è, servono scelte diverse, che rimettano al centro il lavoro e non solo il profitto”.




APPROVATO ALL'UNANIMITÀ IMPORTANTE ORDINE DEL GIORNO PER LA DIGNITÀ DELLE DONNE NEI LUOGHI DI LAVORO



Durante la riunione dell'ultima Assemblea Generale della Camera del Lavoro territoriale, svoltasi il 30 gennaio 2024, il Coordinamento Donne della CGIL di Frosinone Latina ha presentato e ottenuto l'approvazione all'unanimità di un rilevante Ordine del Giorno. Un documento che, non solo sottolinea l'importanza della promozione della dignità delle donne e delle comunità LGBTQ+ nei contesti lavorativi, ma affronta anche diverse questioni di rilievo nella società contemporanea.

L'Ordine del Giorno condanna in maniera inequivocabile la condivisione pubblica di immagini private di donne, sottolineando la necessità di preservare la libertà e la dignità di ogni individuo. Inoltre, si esprime una forte opposizione all'attacco governativo contro la legge 194, che nega il diritto alla libera scelta delle donne in materia di interruzione volontaria della gravidanza.

Un focus particolare del documento è posto sulla trasformazione dei luoghi di lavoro in ambienti che assicurino la dignità di ogni individuo, con l'obiettivo di eliminare trattamenti discriminatori basati su genere, età, origine, necessità personali o familiari, gravidanza e paternità/maternità. Questo impegno per un ambiente lavorativo equo e inclusivo sarà attuato attraverso la contrattazione collettiva.

L'Ordine del Giorno, poi, promuove attivamente un cambiamento culturale, proponendo l'coinvolgimento di associazioni e istituzioni in campagne di sensibilizzazione e programmi formativi rivolti al gruppo dirigente a tutti i livelli. Questo sforzo mira a instillare una cultura del rispetto e a contrastare la violenza nei luoghi di lavoro.

Il Coordinamento Donne della CGIL di Frosinone Latina vuole sostenere i diritti e il benessere di tutte le lavoratrici e i lavoratori, promuovendo una cultura dell'inclusione e della solidarietà.

L'Ordine del Giorno chiede inoltre alle federazioni di categoria di impegnarsi nell'avere - in particolare nella contrattazione di secondo livello - un’attenzione particolare alle condizioni di fragilità delle donne e della loro rete familiare anche laddove siano presenti situazioni di disabilità, con l'obbiettivo di una maggiore e migliore conciliazione dei tempi di vita lavorativa e personale in modo da adeguarli alle esigenze specifiche di ciascun individuo. 

In conclusione, questo documento rappresenta un passo significativo verso la costruzione di ambienti di lavoro più giusti ed equi, contribuendo attivamente al progresso sociale e al rispetto dei diritti fondamentali di ogni individuo.



"GIORNATA DELLA MEMORIA: LA CGIL RIFLETTE SUL PASSATO, AGISCE NEL PRESENTE E PIANIFICA PER IL FUTURO"




Il 27 gennaio, in tutto il mondo, si celebra la Giornata della Memoria per ricordare le vittime dell'Olocausto e ribadire l'importanza di combattere l'antisemitismo, il razzismo e tutte le forme di discriminazione. In questa occasione, la CGIL non solo rende omaggio alle vittime del passato, ma riflette anche sul suo ruolo politico sindacale nel presente e nelle prospettive future.

La CGIL riconosce l'importanza di preservare la memoria storica dell'Olocausto come fondamento per la costruzione di una società basata sui valori della giustizia, dell'uguaglianza e della solidarietà. L'eredità della memoria si traduce nell'impegno per contrastare qualsiasi forma di discriminazione e intolleranza, promuovendo una società inclusiva e rispettosa dei diritti umani.

Nel contesto attuale, la CGIL si trova di fronte a sfide sindacali – ma non solo - complesse. La crescita del lavoro precario, le difficoltà nel rinnovo dei contratti e le tensioni sociali richiedono una risposta efficace da parte del sindacato. La Giornata della Memoria diventa un momento per riaffermare il ruolo della CGIL nel promuovere la dignità nel mondo del lavoro, combattere l'ineguaglianza e difendere i diritti dei lavoratori.

In linea con l'eredità della memoria, la CGIL si impegna a combattere qualsiasi forma di intolleranza e discriminazione nel mondo del lavoro. Questo impegno si estende oltre le questioni economiche, spingendosi a promuovere un ambiente di lavoro inclusivo, rispettoso della diversità e libero da discriminazioni basate su razza, religione, genere o orientamento sessuale.

Per questo, guardando sempre al futuro, la CGIL si pone l'obiettivo di contribuire alla costruzione di una società più equa e solidale. Ciò include il sostegno a politiche che riducano la precarietà, promuovano la formazione continua e garantiscano condizioni di lavoro dignitose per tutti i cittadini. La Giornata della Memoria diventa, quindi, un richiamo a perseguire tali obiettivi nel rispetto dei principi fondamentali della democrazia e dei diritti umani; ecco perché la CGIL non solo commemora il passato, ma utilizza la sua eredità per informare e guidare le sue azioni nel presente e nel futuro. 

L'impegno politico sindacale della CGIL è teso sempre verso la promozione di una società basata sulla giustizia sociale, il rispetto delle diversità e la tutela dei diritti di tutti i lavoratori, quelli che sono i principi raccolti nella nostra carta Costituzionale antifascista che oggi più che mai rappresenta la Via Maestra.



CARTIERE RENO DE MEDICI COMUNICA LA CHIUSURA DELLO STABILIMENTO DI VILLA SANTA LUCIA: MANIFESTAZIONE A CASSINO E SOLIDARIETÀ DELLA CGIL

La recente comunicazione della RDM Group riguardo alla cessazione dell'attività produttiva presso lo stabilimento di Villa Santa Lucia, con conseguente licenziamento dei suoi 163 dipendenti, ha scosso profondamente le organizzazioni sindacali e l'intera comunità. La decisione dell'azienda pone l'accento su una serie di questioni cruciali che vanno al di là delle apparenze e richiedono un'analisi attenta.

Il contesto in cui si inserisce questa crisi ha radici nel febbraio 2020, quando il depuratore consortile di proprietà di Co.SI.La.M. è stato sequestrato. Nonostante la firma di un Protocollo tra RDM Group e la successiva gestione affidata ad AeA, con un dettagliato cronoprogramma di attività e investimenti, la situazione ha subito un'ulteriore complicazione a novembre 2023. In tale data, il Tribunale di Cassino ha autorizzato il riavvio del depuratore, ma con vincoli praticamente impossibili da rispettare, tra cui lo smaltimento come rifiuto di tutti i fanghi prodotti.

Questa condizione mette RDM Group in una posizione difficile, in quanto il riutilizzo dei fanghi è una prassi consolidata per le cartiere italiane ed europee produttrici di carta a base di fibre riciclate. Il non utilizzo di tali flussi non solo comprometterebbe la qualità del prodotto, ma comporterebbe anche un aumento dei costi operativi e gravi danni all'ambiente, rendendo il business insostenibile.

La crisi ha generato un clima di incertezza, con impatti significativi sul piano occupazionale e sui risultati aziendali, infliggendo danni non solo all'azienda ma anche al territorio e alle famiglie dipendenti. In questo contesto, i sindacati si stanno organizzando per affrontare la situazione, chiedendo il coinvolgimento delle istituzioni.

Molti gli attestati di solidarietà nel mondo del lavoro; ricordiamo le parole delle RSU di SLC CGIL Industria di Frosinone: “Abbiamo ancora negli occhi il video di ringraziamento inviato dai dipendenti di una casa farmaceutica ai Lavoratori dello stabilimento quando in piena pandemia hanno continuato a produrre nonostante i rischi a cui andavano incontro. Lavoratori che da anni subiscono pesanti ricadute economiche, fortemente preoccupati del futuro, che con estrema dignità attendono risposte. A nome di tutti i Lavoratori del settore cartaio che rappresentiamo sul territorio, esprimiamo la nostra vicinanza e la nostra solidarietà ai colleghi di Villa Santa Lucia. Il giorno 19 saremo al loro fianco in corteo, e invitiamo tutti a farlo con noi, perché non si sentano soli e per lottare fino alla fine per il mantenimento del loro posto di lavoro”. 

Infatti, le sigle sindacali si sono immediatamente organizzate e hanno chiamato tutti alla mobilitazione, comunicando al Questore della provincia di Frosinone che venerdì 19 gennaio ci sarà una manifestazione per le strade di Cassino. Al corteo - stando alla missiva inviata in Questura - parteciperanno circa 170 lavoratori della Cartiera di Villa Santa Lucia ed oltre 150 dell'indotto, nonché i rappresentanti sindacali provinciali di CGIL, CISL e UIL

Proprio per la CGIL si sono espressi la segretaria confederale Patrizia Fieri:” È assurdo che un'azienda sana, che svolge un ruolo importante nell'economia circolare e nel sistema di riciclo dei rifiuti del territorio, debba chiudere e lasciare inoccupati 300 lavoratori, che sfiniti economicamente e moralmente, mai come in questo momento vedono, la fioca luce in fondo al tunnel spegnersi. Noi, come abbiamo fatto finora, non molliamo”; e il segretario generale della Camera del Lavoro Frosinone Latina Giuseppe Massafra che ha dichiarato:”Continueremo a batterci per salvaguardare l’occupazione, ma anche per affermare la necessità di arginare la crisi industriale e produttiva di questo territorio. Poco più di un mese fa, proprio all’interno di quel confronto che come OOSS abbiamo preteso con le istituzioni del territorio, che hanno assunto l’impostazione di Stati Generali per lo sviluppo nella provincia di Frosinone, abbiamo lanciato l’allarme di una crisi che sta decimando il numero delle imprese e sta falciando l’occupazione del territorio. Di quella discussione sembra non rimanere traccia, considerando che oggi un’altra importante realtà industriale si accinge a chiudere i battenti”.

Attraverso questo atto, i sindacati mirano a sensibilizzare il Ministero del Lavoro e la Regione Lazio, richiedendo un intervento urgente per affrontare la crisi e proteggere i posti di lavoro.

In conclusione, la prospettiva sindacale è chiara: la crisi della cartiera non è solo un problema aziendale, ma una sfida che coinvolge l'intera comunità. La mobilitazione è necessaria per salvaguardare i diritti dei lavoratori e garantire una soluzione equa ed efficace alla situazione critica che sta minando la stabilità economica e sociale della regione.