REFERENDUM, CGIL: RISULTATO STRAORDINARIO MA CI VUOLE LA LEGGE

Roma, 18 marzo – Il decreto legge del governo, che cancella l’attuale istituto dei voucher e ripristina la responsabilità solidale negli appalti, è un primo straordinario risultato della nostra iniziativa.

Abbiamo dopo tanti anni riportato il lavoro e le sue condizioni al centro della discussione nel Paese.

Ora il Parlamento deve trasformare in legge il decreto del governo affinché la Corte di Cassazione possa dichiarare accolte le nostre istanze e quindi superato il voto referendario.

Per questo non smobilitiamo. Siamo e saremo impegnati ogni giorno fino a quando la legge su voucher e appalti non verrà approvata. E poi ancora continueremo la nostra mobilitazione per sostenere la Carta dei diritti universali del lavoro.

“La nostra campagna va avanti, vogliamo vedere i testi di legge e il nostro obiettivo è la Carta dei diritti universali del lavoro”. Così il segretario generale della Cgil Susanna Camusso commenta l’esito del Consiglio dei Ministri di oggi, che ha dato il via libera ad un decreto legge che prevede l’abrogazione dei voucher e il ripristino della responsabilità solidale negli appalti.

“Non diciamo ‘abbiamo vinto’ prima di vedere i testi, ma una vittoria c’è: le persone non sono più rassegnate”. Camusso ringrazia poi “tutti i compagni e le compagne che hanno raccolto le firme e hanno lavorato per mesi per raggiungere questo risultato. La #sfidaxidiritti prosegue”.