VOLANTINAGGIO PRESSO FCA DI CASSINO - NUOVA VITA AI DIRITTI!

La Cgil di Frosinone Latina in occasione della campagna di consultazione straordinaria sulla “ Carta dei Diritti Universali del lavoro” ovvero “Nuovo Statuo delle Lavoratrici e dei Lavoratori” ha operato una giornata di volantinaggio davanti a tutti i cancelli di FCA a Cassino che ha visto coinvolte, insieme al Segretario Confederale della Cgil Rosa D’Emilio, con la presenza dei Segretari Generali di Categoria e delegati, la Fiom Cgil (metalmeccanici), la Filt Cgil (trasporti), la Fillea Cgil (edili) e la Filcams Cgil (commercio, mense e pulizie), in rappresentanza di tutte le tipologie di lavoratrici e lavoratori presenti nel più importante sito produttivo del nostro territorio.
La “Carta dei Diritti” nasce dall’esigenza di “riunificare” il mondo del lavoro, rafforzare la contrattazione collettiva, riconsegnare “dignità” ai lavoratori attraverso la costruzione di un insieme di diritti universali estesi a tutte le lavoratrici e i lavoratori senza distinzione tra lavoratore dipendente e precario, tra autonomo e somministrato, tra pubblico e privato, atipico e collaboratore.

La ripresa dalla crisi non si realizza con l’emanazione di leggi che prevedono lo smantellamento della contrattazione o l’eliminazione dei diritti come è avvenuto con l’articolo 8 della Legge Sacconi e il Jobs Act che non hanno diminuito la disoccupazione (specialmente quella giovanile che si attesta ad oltre il 40%), non hanno impedito la chiusura di migliaia di aziende, non hanno realizzato la riapertura di cantieri e neanche hanno migliorato la condizione di vita delle persone, dato confermato dal fatto che è sensibilmente aumentata la condizione di povertà nel nostro paese.

Per la Cgil la “Legge” deve “aiutare” e “sostenere” i lavoratori, deve “garantire” diritti universali indipendentemente dal lavoro che svolgono; i lavoratori sono parte integrante del processo produttivo ed hanno il diritto di avere un lavoro decente e dignitoso, un compenso equo e proporzionato, diritto al riposo, diritto a condizioni lavorative sicure, diritto a conciliare vita lavorativa e vita familiare. 

La legge deve porre fine alla piaga della precarietà che in Italia ha prodotto 100 milioni di voucher che non è lavoro.

Il contratto di lavoro deve tornare ad essere il Tempo Indeterminato “ VERO”.



La Cgil di Frosinone Latina continua ad essere impegnata con le assemblee nei luoghi di lavoro e nel territorio fino al 19 marzo e dall’esito favorevole della consultazione partirà una raccolta firme per poter presentare la nostra proposta di legge di iniziativa popolare, la nostra Carta dei Diritti”.