MUORE A ROMA PIETRO INGRAO, UNO DEI PADRI DELLA REPUBBLICA, AVEVA COMPIUTO 100 ANNI LO SCORSO MARZO

È morto a Roma Pietro Ingrao, uno dei Padri della Repubblica Italiana; dirigente storico del PCI, Presidente della Camera e direttore dell'Unità, dal 1976 al 1979. Lo scorso marzo aveva compiuto 100 anni. Era nato a Lenola, in provincia di Latina, il 30 marzo 1915
La Camera del Lavoro di Frosinone e Latina, la Segreteria
e la struttura tutta esprimono il loro cordoglio e le più sentite condoglianze ai suoi familiari e a tutti i suoi cari.

Vi riproponiamo lo speciale pubblicato in occasione dei festeggiamenti per i suoi 100 anni, lo scorso 30 marzo, quando Lenola, suo paese natio, lo ha celebrato con una serie di iniziative culturali, in cui sono intervenuti i suoi familiari e a cui lo stesso Pietro Ingrao ha partecipato con un proprio video messaggio, a testimonianza di come questo illustre figlio della nostra terra sia stato fino all'ultimo un esempio di modernità e di apertura mentale. 
Scriveva introducendo ai visitatori il proprio sito web (si, aveva anche un sito web personale) 

"Cara lettrice, caro lettore,
internet non è un mezzo consueto, per chi è nato nel 1915; ma è il mezzo di comunicazione del presente, e ho pensato di usarlo. Sono un figlio dell’ultimo secolo dello scorso millennio: quel Novecento che ha prodotto gli orrori della bomba atomica e dello sterminio di massa, ma anche le speranze e le lotte di liberazione di milioni di esseri umani. Scriveva Bertolt Brecht:


“Nelle città venni al tempo del disordine,
quando la fame regnava.
Tra gli uomini venni al tempo delle rivolte,
e mi ribellai insieme a loro.”





Il mondo è cambiato, ma il tempo delle rivolte non è sopito: rinasce ogni giorno sotto nuove forme. Decidi tu quanto lasciarti interrogare dalle rivolte e dalle passioni del mio tempo, quanto vorrai accantonare, quanto portare con te nel futuro.



Buona esplorazione



"


ADDIO PIETRO, CI MANCHERAI!